Fatti su Kurt Cobain che forse non conosci

In ricordo di Kurt Cobain

0
493
kurt cobain

Era il 5 aprile del 1994 quando Kurt Cobain, frontman e leader dei Nirvana, si suicidò con un colpo di fucile. Il corpo fu rinvenuto soltanto tre giorni dopo.
La sua scomparsa ha alimentato il mito del “Club dei 27“, l’età in cui molti artisti sono scomparsi, facendo crescere esponenzialmente l’idea che fosse una maledizione. Ma questa è un’altra storia.
In questo articolo viaggeremo nella vita di Kurt cobain attraverso 10 fatti e curiosità che, forse, non tutti conoscono.

1
Il piccolo Kurt era un artista

Kurt, prima di dedicarsi alla musica, aveva un altre grande dono, il disegno. Era piuttosto bravo a tal punto che sua madre sperava che diventasse un disegnatore professionista.

2
La sua prima chitarra

Era il giorno del suo settimo compleanno quando sua zia Mary regalò al piccolo Kurt una chitarra. Da quel momento non lasciò mai lo strumento, passando ore e ore ad esercitarsi.

3
Kurt era ambidestro

La chitarra che gli regalò sua zia era per destrorsi, Cobain dovette impare a suonare “al contrario”. Questo gli permise di diventare ambidestro. Comunque Kurt scelse di suonare con la sinistra perchè era una “cosa di pochi”.

4
Kurt il piccolo alieno

Incredibile ma vero, il piccolo Cobain credeva di appartenere a qualche popolazione aliena. In un’intervista raccontò che spesso guardava il cielo di notte aaspettando che i suoi genitori alieni tornassero a prenderlo.

5
l'”odio” fra i suoi genitori

Un giorno Kurt assistette ad una lite tra sua madre e suo padre, andò in camera sua e scrisse sul muro: “Odio mamma, odio papá. Papá odia mamma, mamma odia papá. Ti fa venir voglia di essere triste

6
Axl contro Kurt e Courtney

Quando Kurt Cobain e Courtney Love erano in attesa di loro figlia Frances Bean, essendo stata concepita sotto effetto di stupefacenti, i tabloid non fecero che speculare su questa situazione. Arrivarono a pubblicare articoli con foto di feti deformati denunciando che, le sostanze stupefacenti, avevano interferito con il corretto sviluppo della bambina. In merito a ciò Axl Rose durante un live dichiarò: “Kurt Cobain è un tossico di merda con una moglie tossica. E se la bimba è nata deforme dovrebbero finire tutti e due in galera“.

7
Kurt Cobain morto nel 1992

Il frontman dei Nirvana era stato dato per morto già nel 1992. In occasione del live a Reading Kurt si presentò in sedia a rotelle, si alzò, disse qualcosa al microfono e poi cadde a terra restando immobile per qualche istante, poi si alzò di scatto e iniziò il concerto più grintoso che mai. E’ possibile vedere il video su YouTube.

8
Era in grado di suonare sotto l’effetto di sostanze

Incredibile ma vero, Kurt Cobain era in grado di suonare anche sotto effetto di droghe. Prima del Reading Festival era andato in overdose ma, dopo una “rianimazione”, si era ripreso e un’ora dopo era sul palco ad esibirsi.

9
Una vita difficile

E’ risaputo che Kurt Cobain non avesse avuto una vita semplice. Il divorzio dei suoi genitori, l’essere stato cacciato di casa, il rapporto con un padre anaffettivo ha senza alcun dubbio segnato la sua psiche. Tutti questi malesseri li ha riversati sulla musica come, ad esempio, “Something in the way” parla del momento in cui fu cacciato di casa e andò a dormire sotto i ponti. Altro pezzo della sua vita messo in musica è “Serve the Servants” ed è una “dedica” triste e maliconica ad un padre che non lo ha mai cercato. “Vorrei avere più ricordi. Ho la sensazione di non avere mai avuto un padre… Mi manca una figura paterna con cui dividere le cose.“

10
Lithium

Cobain e Novoselic avrebbero pensato di fondare un gruppo parallelo che avevano intenzione di chiamare “Lithium”, una volta archiviata quest’idea visto il successo che stavano ottenendocon i Nirvana, “Lithium” è diventato il nome di un loro singolo e di una raccolta di 3 brani che attualmente è possibile reperire soltanto su YouTube.

E’ soltanto una piccola parte di ciò che ha vissuto Kurt Cobain. Un’anima fragile e melanconica che ha cercato invano un amore paterno che non ha mai ricevuto. Un Kurt che entrava ed usciva dalla riabilitazione, un artista, un uomo, che non si è dato più alcuna possibilità, se non la morte.

“Se i miei occhi potessero vedere la mia anima, molti di voi piangerebbero mentre vedrebbero me ridere

Articoli che potrebbero interessarti: https://spettacolo.periodicodaily.com/bozza-automaticakurt-cobain-and-the-grunge-revolution-mostra/
https://spettacolo.periodicodaily.com/kurt-cobain-la-rockstar-moriva-25-anni-fa/

Commenti