Ezio Bosso: muore a 48 anni il pianista e compositore

Ezio Bosso, pianista e compositore amatissimo da tutti i tipi di pubblico, è morto a 43 anni a causa di una feroce malattia che lo perseguitava da tempo.

0
925

Ezio Bosso, vera eccellenza musicale italiana, è morto a 48 anni dopo una malattia neurogenerativa che l’ha attanagliato per 10 anni. Pianista, direttore d’orchestra e conpositore, nel corso della sua carriera ha girato il mondo esibendosi nei teatri più prestigiosi del globo. Quando non ha avuto personalmente modo di girare il pianeta, Ezio ha lasciato comunque che la sua musica lo facesse per lui. Le sue apprezzatissime composizioni sono state suonate dalle migliori orchestre e ballate dai migliori ballerini anche in sua assenza, e perfino il mondo del cinema ha fatto un largo utilizzo della sua musica; Ezio compose, ad esempio, la colonna sonora di “Io Non Ho Paura”.

Ezio Bosso: la musica “alta” che diventa pop

Non accade spesso, almeno in Italia, che un pianista o un compositore ottenga una forte rilevanza mediatica: possiamo citare Ennio Morricone, reso celebre in tutto il mondo dal cinema, ma pochi altri. Ezio Bosso è riuscito tuttavia a diventare un’icona pop grazie ad un’apparizione televisiva che tutti ricordiamo: quella al Festival di Sanremo 2016. Si trattó di un’occasione in cui l’artista mostrò a tutti come nemmeno una malattia terribile come la SLA può sconfiggere un grande talento associato ad una notevole forza di volontà. L’Italia intera provó una grande commozione in quel momento: tante persone che generalmente ascoltano altro divennero improvvisamente fan di Ezio Bosso. In altre parole, il suo immenso talento fu finalmente riconosciuto su tutti i livelli.

https://www.dailymotion.com/video/x3rioee

La morte

Alla fine, tuttavia, la SLA ha stroncato Ezio Bosso a soli 48 anni, privando il mondo intero di un artista di grandissimo talento. La sua arte rimane a ricordarci quali enormi capacità possedesse, e soprattutto ad ispirare una generazione di nuovi artisti che potrà vedere in lui un grandiddimo punto di riferimento. A noi ascoltatori non resta che goderci quello che quest’uomo ha creato nel corso della sua breve vita. Quel che è certo è che una produzione artistica che ha poco da invidiare ad alcune che hanno avuto molto più tempo per esprimersi.

Commenti