Eurovision Song Contest: ecco come sarà

0
257
Eurovision Song Contest:

Il conto alla rovescia è iniziato. L’Eurovision Song Contest partirà il 18 maggio e i fan non vedono l’ora. L’Ahoy Arena brulica di operai e il ritmo di lavoro è serrato.

Eurovision Song Contest: come sarà?

Questa edizione dell’Eurovision Song Contest sarà po’ diversa da quelle precedenti. E non poteva essere altrimenti, vista l’emergenza sanitaria ancora in atto. Gli organizzatori dicono di aver pensato in maniera realistica a come combattere gli eventuali disguidi. Insieme alla città di Rotterdam e alle emittenti olandesi, l’EBU (Eurovision Broadcasting Union) ha studiato tutta una serie di scenari alternativi da mettere in pratica nel caso qualcosa andasse storto. Se ad esempio alcuni Paesi partecipanti dovessero chiudere le frontiere, i cantanti che li rappresentano potrebbero esibirsi da appositi studi di registrazione. La presenza del pubblico, tra le altre cose, è l’incognita più grossa.

Eurovision Song Contest: l’arrivo delle delegazioni

L’arrivo delle prime delegazioni è previsto per l’8 maggio, dieci giorni prima della data che apre la competizione. “L’ Eurovision Song Contest farà sicuramente il suo gradito ritorno a maggio nonostante la pandemia ma, nelle circostanze prevalenti, è purtroppo impossibile tenere l’evento nel modo in cui siamo abituati”, ha dichiarato Martin Österdahl, supervisore esecutivo dell’evento. “Siamo grati per il rinnovato impegno e sostegno dalla città di Rotterdam e per il supporto continuo di tutte le emittenti partecipanti. Speriamo vivamente di poterci riunire a Rotterdam a maggio e faremo tutto il possibile nelle prossime settimane per raggiungere questo obiettivo.

L’evento non è a rischio

“In una situazione in continua evoluzione, ci stiamo prendendo il nostro tempo per assicurarci di poter ospitare l’Eurovision Song Contest nel modo migliore e più sicuro possibile”, ha poi concluso Martin Österdahl. Difficile prevedere cosa potrebbe cambiare da qui al 18 maggio, ma l’evento al momento non è a rischio. I lavori proseguono e gli organizzatori sono fiduciosi che tutto sarà pronto per l’arrivo delle delegazioni.

Commenti