Enola Holmes – Recensione

Recensione del nuovo film Netflix disponibile dal 23 settembre con protagonisti Millie Bobby Brown, Henry Cavill e Sam Claflin

0
452
Enola Holmes

Il personaggio di Sherlock Holmes ha avuto versioni sempre diverse nel corso degli anni. Ma se per una volta il protagonista non fosse il geniale detective? E’ da qui che prende le mosse Enola Holmes diretto da Harry Bradbeer, film Netflix disponibile già da 23 Settembre. La pellicola ripercorre le avventure della giovane Enola, sorella adolescente del celebre detective. Tratto dalla serie di libri di Nancy Springer, Enola Holmes è una pellicola, che nonostante il target prettamente adolescenziale a cui Netflix mirava, riesce a lasciare qualcosa. Ovviamente non parliamo di un capolavoro del cinema contemporaneo, ma di un film che si lascia vedere e fa scorrere tranquillamente le sue due ore di durata.

Poster in azzurro di Enola Holmes nuovo fil Netflix
Poster ‘Enola Holmes’

La rottura narrativa e lo sfondamento della quarta parete

Gli eventi mettono in crisi la giovane Enola Holmes, spirito indomito e deduttivo, mostrandole un mondo che è totalmente diverso da come sua madre gli aveva raccontato. E’ lei che narra la sua storia attraverso lo sfondamento della quarta parete e la sospensione dell’ incredulità dello spettatore. Nonostante all’inizio questa tecnica possa sembrare interessante,dato che ci da modo di sviluppare un rapporto diretto con la protagonista, con l’andare avanti della storia, l’ uso diventa quasi eccessivo. Questo porta ad una continua rottura della narrazione, che diventa meno fluida e dinamica. Da questo punto di vista ne ha risentito il minutaggio, eccessivo per una pellicola di questo tipo.

Enola Holmes: trama

Henry Csvill, Mllie Bovvy Brown e Sam Cllaflin in Enola Holmes nuovo fiilm netflix
Henry Cavill (Sherlock), Millie Boby Brown (Enola) e Sam Claflin (Mycroft) in una foto promozionale

Enola è la sorella adolescente dei più ben noti Sherlock e Mycroft. Allergica allo stile di vita vittoriano, guerriera e indipendente, la ragazza viene cresciuta dalla madre nella loro tenuta di campagna secondo ideali di libertà e coscienza di sé. Il suo mondo cambierà nel momento in cui la madre, la mattina del suo 16esimo compleanno scompare, lasciandola alla “tutela” dei fratelli Mycroft e Sherlock. Se il primo non comprende la natura geniale ed indipendente della sorella, il secondo sembra averla capita. Enola, fugge a Londra alla ricerca della madre. Il suo cammino si incrocia con quello di un giovane Lord, fuggito di casa per sfuggire alle volontà della sua famiglia. Il viaggio a Londra sarà un modo per Enola di capire che donna vorrà diventare, divisa tra il suo destino e la sua volontà.

Uno Sherlock Holmes inedito

Henry Cavill in completo nero in una scena di Enola Holmes nuovo film netflix
Henry Cavill nei panni di Sherlock Holmes

Negli anni abbiamo avuto delle versioni sempre diverse del celebre detective ideato da Arthur Conan Doyle. Da quello folle ed imprevedibile di Robert Downey Jr, passando per la versione anaffettiva e sociopatica di Benedict Cumberbatch, fino a quella geniale e calcolatrice di Johnny Lee Miller. Tutte versioni diverse che però mantengono la coerenza del personaggio. Ancor più estraniante è la nuova visione portata in questo Enola Hplmes da Henry Cavill. Un Holmes, più umano,più empatico. Se all’inizio del film questa nuova interpretazione poteva sembrare una bella novità, nel corso della narrazione gli sceneggiatori sembrano aver perso il fulcro del personaggio. Diventa troppo empatico ed esageratamente affettuoso per essere il detective che tutti conosciamo.

Sentir esprimere così facilmente emozioni ad un personaggio algido e poco emotivo come Sherlock Holmes, fa un pò storcere il naso. Nonostante questo le dinamiche che si vengono a creare tra il personaggio di Enola e quello di Sherlock sono perfette e mostrano il sincero affetto che l’ uno prova per l’altro.

Un femminismo esageratamente forzato

Se da un lato risulta interessante il viaggio nella maturità e nella crescita del personaggio di Enola, lo è di meno l’ idea femminista di fondo del film. Troppo telefonata e in un certo senso prevedibile. Il personaggio della madre, Eudoria, intepretato brillantemente da Helena Bonham Carter, è la rappresentazione degli ideali femministi dell’ Ottocento. Cresce la figlia secondo queste idee, in una società fatta da uomini. Uno spunto che da l’ impressione di già visto e già sentito.

Enola ed Eudoria in una scena del film

Enola Holmes: personaggi a cui riesci ad affezionarti

La pellicola targata Netflix ha un bel ritmo con personaggi caratterizzati in maniera funzionale alla storia. Enola Holmes, è un film leggero, non con altissime aspettative, ma che soddisfa lo spettatore. A spiccare è sicuramente l’ interpretazione di Millie Bobby Brown che si slega finalmente dal ruolo che l’ ha resa celebre in Stranger Things. Henry Cavill ci mostra una versione di Sherlock giovane e inedita, ma non meno affascinante e carismatica. Nonostante le poche scene il pubblico è capace di affezionarsi anche ad Eudoria, la madre della protagonista interpretata da Helena Bonham Carter, donna dagli ideali nuovi e rivoluzionari. Unico personaggio ad uscirne con le ossa è Mycroft. L’ interpretazione di Sam Claflin, è eccessivamente caricaturale ed emotiva per un personaggio freddo e controllato come il maggiore degli Holmes.

In generale, Enola Holmes è un buo prodotto Netflix. Un film godibile per qualsiasi tipo di pubblico che racconta un lato di un mondo, come quello di Sherlock Holmes,che nessuno aveva mai conosciuto.

Dove guardare Enola Holmes?

Enola Holmes è disponibile su Netflix da 23 Settembre.

Commenti