Elizabeth Perkins: attrice con i piedi per terra

0
210

La star dei film di successo degli anni ’80 e ’90 Elizabeth Perkins si racconta. Dall’infanzia carriera cinematografica alla televisione passando dal contemplare come sarebbe se i suoi figli adulti tornassero a casa: tema attuale dell’ultima comparsa della Perkins in tv

Di cosa parla l’ultima serie in cui appare Elizabeth Perkins?

Passando dall’orrore alla gioia e viceversa, Elizabeth Perkins contempla come sarebbe se i suoi figli adulti tornassero a casa. “Il fatto è che ti mancano così tanto, poi tornano per una vacanza e non vedi l’ora che se ne vadano di nuovo”. Questo è il tema attuale dello spettacolo di Perkins The Moodys, la cui prima stagione, nel 2019, ha visto tre bambini adulti tornare a casa a Chicago per Natale. Una dinamica nota a molte famiglie. “È interessante, perché, nella mia generazione, eri considerato un perdente se tornavi a vivere con i tuoi genitori“, dice Perkins, 60 anni. “Ma le cose sono cambiate”.

La carriera dell’attrice

Negli ultimi 15 anni, il lavoro più interessante di Elizabeth Perkins è stato in televisione: era la vicina da incubo Celia Hodes in Weeds, la ficcanaso ubriaca Jackie O’Neill in Sharp Objects e una madre che cercava di dimostrare l’innocenza di suo figlio in Truth Be Told . Non sono ruoli in cui l’industria cinematografica è inondata, “in particolare per le donne della mia età“, dice. La carriera cinematografica di Perkins ha raggiunto l’apice negli anni ’80 e ’90. La sua grande occasione è stata come la fidanzata di Tom Hanks in Big nel 1988. Negli anni ’90, ha recitato in film intelligenti e acclamati dalla critica e in progetti più ovviamente commerciali

L’infanzia di Elisabeth Perkins

L’infanzia di Elizabeth Perkins suona come un’improbabile sceneggiatura. È nata a New York, ma quando i suoi genitori hanno divorziato e sua madre si è risposata, Perkins si è trasferita con lei per vivere nella fattoria del nonno materno al confine tra Vermont e Massachusetts. “Eravamo completamente mal preparati, ma è stata una curva di apprendimento, ma sicuramente mi ha reso più forte“, dice con una risata. Con l’arrivo del patrigno insieme ai suoi 8 figli tutto era come vivere in comune ma ‘attrice dichiara: “Ho trovato molto familiare l’idea di avere tutte queste persone in casa“.

Volitiva e con i piedi per terra: l’ingresso di Elizabeth Perkins a Hollywood

Essere volitiva e con i piedi per terra. Qualità forgiate pensa, nella sua grande famiglia e poi in questo ambiente teatrale che hanno protetto Perkins da giovane donna che entra a Hollywood negli anni ’80. “Non c’erano reti di sicurezza, né risorse umane. Era solo: sei in questo sistema ed è travolgente “. Riguardo al sessismo ricorda di essere andata agli incontri con produttori e registi “dove dicevano semplicemente:” Sì, non sei abbastanza sexy. Oggi, non sarebbe qualcosa che uscirà dalla bocca di nessuno “.

Jodie Turner-Smith lascia la serie prequel di The Witcher

In marcia contro le molestie sessuali

In una marcia contro le molestie sessuali nel 2017, Elisabeth Perkins ha tenuto un cartello con il nome dell’attore James Woods. La Woods era stata precedentemente accusata dall’attore Amber Tamblyn di aver tentato di andarla a prendere quando aveva 16 anni. Al momento della marcia, Perkins non ha commentato ulteriormente e non vuole farlo ora. “Penso che parli da solo. Parlo, come ho detto, per coloro che non possono parlare per se stessi e per quelle persone che sentono di non avere una voce “.

Elizabeth Perkins e il film “Big”

Nel film in cui un ragazzo esprime un desiderio su una macchina del luna park Zoltar e si sveglia la mattina dopo da adulto, è brillante e amato c’è Susan (il personaggio di Perkins), un dirigente sulla trentina, che sta per fare sesso con Josh (Hanks), che in realtà è un ragazzo di 13 anni. “Oh lo so. Sono stata definita pedofila “, dice Elizabeth Perkins. “Sai, ho capito. L’unica cosa che posso dire è che è stato un periodo diverso. Erano gli anni ’80; non è stato visto attraverso quell’obiettivo e ho capito che è stato visto attraverso quell’obiettivo ora“. Quando hai lavorato per più di tre decenni, è inevitabile che il lavoro precedente venga rivalutato con standard diversi. L’attrice “Il fatto che ho questa età e sono ancora in grado di lavorare con qualcuno come Denis Leary, che rispetto molto e mi sento come se non potessi chiedere una vita migliore“. Conclude

Commenti