Do Not Split: Pechino ha alzato il suo profilo

0
189
Do Not Split

Anders Hammer si è trasferito a Hong Kong nel 2019 per catturare una battaglia tra Davide e Golia davanti alla telecamera, filmando i manifestanti pro-democrazia nella città che affrontano gli autocrati a Pechino.

Cosa ha vinto Do Not Split?

Poco più di un anno dopo è diventato un involontario protagonista di quella lotta, quando il suo documentario a basso budget Do Not Split ha vinto una nomination all’Oscar.

La rabbia delle autorità cinesi

Le autorità cinesi, apparentemente infuriate o preoccupate per la piattaforma che la serata costellata di star potrebbe dare al film, e dai commenti a lungo cancellati dalla candidata al miglior regista Chloé Zhao, secondo quanto riferito, hanno detto ai media locali di non trasmettere la cerimonia in diretta e minimizzare tutta la copertura. dei premi.

Do Not Split-Anders Hammer

Hammer è stupito di quanto la Cina sia andata a fondo per impedire ai suoi cittadini di dare anche solo una breve occhiata al suo ultimo film. Nel resto del mondo, quella mossa gli è valsa il tipo di copertura stampa che non avrebbe mai potuto sognare.

Le sue parole

Hammer ha detto ” Infatti facciamo parte di una categoria, i documentari brevi, che normalmente non è quella che riceve la maggior attenzione [nella copertura degli Oscar]”, ha detto. “È ironico che Pechino stia effettivamente promuovendo il nostro documentario”.

Do Not Split-Il documentario

La sua esplorazione di mezz’ora della protesta è splendidamente filmata in uno stile fluido e intimo e porta lo spettatore nel cuore intenso delle manifestazioni di strada. Milioni di persone hanno marciato in pace per le strade di Hong Kong nell’estate del 2019, e ancora spinti dalla rabbia per una legge che avrebbe permesso alla città di estradare le persone per affrontare un processo nel sistema giudiziario e opaco della terraferma.

La risposta della polizia

Con l’espandersi delle proteste in richieste più ampie di democrazia, la risposta della polizia è diventata sempre più brutale. Infatti Entro la fine dell’anno gli studenti furono assediati nel loro campus universitario, riempiendo molotov per affrontare la polizia che ora era liberale con il loro uso di gas lacrimogeni, proiettili di gomma e persino munizioni vere.


Oscar 2021, nomination: le conferme e le sorprese


Commenti