Dawson’s Creek: indimenticabile cult anni 90

Vediamo insieme i motivi per cui Dawson's Creek è uno dei telefilm più visti ancora oggi, a più di vent'anni dalla prima messa in onda.

0
1163
Foto promozionale del cast di Dawson's Creek

Nonostante siano passati ben ventidue anni dalla prima messa in onda, Dawson’s Creek continua ad essere periodicamente trasmesso in tv. Ma non solo: oltre ad essere presente da oltre due anni su Amazon Prime Video, dal 15 gennaio sarà anche su Netflix! Migliaia di spettatori ne approfitteranno per fare l’ennesima maratona e sarà, ne siamo sicuri, l’occasione per fare conoscere la serie anche ai più giovani. Ma, ci chiediamo, come mai un prodotto datato come Dawson’s Creek attira ancora oggi così tanto pubblico?

Dawson’s Creek e l’eterno dilemma: meglio Dawson o Pacey?

Siamo sinceri, una larghissima fetta di pubblico è rimasta incollata allo schermo per anni con l’unico scopo di scoprire chi avesse scelto Joey alla fine. Meglio l’eterno romantico Dawson o l’ex ragazzaccio (e rubacuori) Pacey Witter? Ovviamente ognuno disse la sua all’epoca e gli appassionati si dividono ancora oggi in due fazioni. Come in ogni teen drama che si rispetti, però, la risposta venne data solamente nell’ultimo episodio della serie. Rimanemmo con il fiato sospeso per anni, finché la nostra eterna indecisa Joey finalmente scelse. Che in fondo lei “sapeva con chi sarebbe dovuta stare, l’ha sempre saputo”. E così Dawson’s Creek si concluse con il trionfo della coppia Joey-Pacey, per la gioia dei loro fan.

Primi amori…e tanti drammi

L’adolescenza si sa, è complicata. I nostri Dawson (James Van Der Beek), Joey (Katie Holmes), Pacey (Joshua Jackson), Jen (Michelle Williams) e Jack (Kerr Smith) ne sanno qualcosa. Sono stati per anni, e continuano ad esserlo, il riflesso dei piccoli grandi drammi senza tempo degli adolescenti. Non importa se eravamo nel 1999 e se oggi siamo nel 2021: i primi amori hanno da sempre gli stessi sapori. Romantico e forse immaturo, come quello tra Dawson e Joey. Più carnale e passionale, come quello consumato tra Pacey e l’insegnate Tamara nel corso dei primi episodi. Seducente, come quello impersonato da una splendida Jen Lindley al suo arrivo a Capeside. Ed infine anche inconfessabile, come quello provato da Jack quando si rende conto della sua omosessualità. Ecco perchè il telefilm è ancora così attuale. Ecco spiegato perchè Netflix ne ha comprato i diritti. Ed ecco perchè, noi ex ragazzi nostalgici, il 15 gennaio accenderemo Netflix e riguarderemo ancora una volta Dawson’s Creek.

Anouonouei…l’iconica sigla di Dawson’s Creek

Eravamo a cavallo tra il vecchio ed il nuovo millennio quando milioni di adolescenti venivano richiamati davanti alla tv dall’iconico grido di Anouonouei. Storpiatura di I Don’t Want To Wait, cantata da Paula Cole, la canzone divenne nota in quanto utilizzata per la sigla di Dawson’s Creek. Si vocifera infatti che nessun telespettatore italiano conosca le esatte parole della canzone, ma che si diverta da oltre un ventennio a gridare uno strano Anouonouei. Come avvenne per altre serie tv, è probabile che questo richiamo accattivante abbia contribuito al successo della serie. Nell’era precedente allo streaming infatti, era molto importante catturare l’attenzione del telespettatore affinché non cambiasse canale. E le sigle di Friends o di O.C. ne sono altri esempi lampanti, siamo sicuri le ricorderete. Riuscite ad immaginare questi telefilm senza i loro iconici intro? E allora, Anouonouei


Leggi anche: Ecco cosa fa oggi l’ex Dawson Leery

Commenti