David Fincher : la miniserie sulla cultura dell’annullamento

0
666
David Fincher
David Fincher

David Fincher ha rivelato che sta lavorando a una nuova miniserie basata sulla “cultura dell’annullamento“. Il regista è tornato sul grande schermo per la prima volta dal 2017 questo mese con il suo nuovo film Mank. Sicuro candidato per l’Oscar non solo per il film e la regia. Potrebbero entrare nella candidatura agli Oscar anche Gary Oldman (L’ora più buia) e Amanda Seyfried (Mamma Mia). Discutendo del nuovo film in un’intervista con The Telegraph, Fincher ha anche discusso i piani futuri e ha dettagliato la nuova miniserie.

Cosa ha detto David Fincher?

Si tratta di come la società moderna misura le scuse”, ha detto. “Se mi scuso sinceramente e nessuno ci crede, ti sei mai scusato? È un’idea preoccupante, ma viviamo in tempi difficili.

La cultura dell’annullamento

La cultura dell’annullamento descrive una forma di boicottaggio in cui un individuo che ha condiviso un’opinione discutibile viene cancellato, emarginato, rifiutato da amici e sostenitori. Negli ultimi mesi, non solo David Fincher ma innumerevoli musicisti, attori nel mondo dello spettacolo hanno affrontato la “cultura dell’annullamento”.

Nick Cave

Nick Cave ha recentemente fatto riferimento al movimento, etichettandolo “l’antitesi della misericordia“, aggiungendo che “annullare il rifiuto della cultura di impegnarsi con idee scomode ha un effetto asfissiante sull’anima creativa di una società“. Dalla sua ultima apparizione sul grande schermo con Gone Girl del 2017, David Fincher ha anche diretto la serie limitata Netflix Mindhunter, che ora è stata sospesa a tempo indeterminato, con il regista che ha detto che una terza stagione è “improbabile”. Invece parlando del nuovo film Mank una recensione a cinque stelle, NME ha scritto: “L’ultimo film di Fincher è un dramma sofisticato per il quale vale la pena dedicare del tempo e riflettere. Riguarda il potere e il rimpianto, l’alcolismo e il talento sprecato, i film e l’amore. È anche uno dei migliori film del 2020“.


David Fincher firma un accordo esclusivo di quattro anni con…


Commenti