Come il fotografo scozzese ha creato l’iconica copertina dell’album Abbey Road

0
648
copertina dell'album Abbey Road

La foto in copertina dell’album Abbey Road per mezzo secolo è stata considerata una delle copertine degli album più famose della storia. La foto per l’ultimo album dei Beatles nel 1969 ha conferito l’immortalità istantanea ad una tranquilla strada di Londra chiamata Abbey Road. Ha trasformato un semplice incrocio con strisce pedonali in un santuario per i fan dei Fab Four di tutto il mondo. E ha scatenato la più grande teoria del complotto della musica: che Paul McCartney fosse morto e sostituito da un doppelganger.

L’immagine di John Lennon, McCartney, George Harrison e Ringo Starr che attraversano a grandi passi la strada davanti agli studi EMI di St John’s Wood è stata scattata venerdì 8 agosto 1969, 51 anni fa dal fotografo scozzese Iain MacMillan. Arroccato in modo precario su una scala a pioli, ha avuto solo cinque minuti per farlo bene mentre un agente di polizia teneva a bada il traffico nelle vicinanze. Ha effettuato sei scatti prima che la pazienza di Lennon finisse “Dobbiamo registrare, non posare per le foto“.

Ma l’immagine che è stata scelta è stata una delle ultime a mostrare tutti e quattro i Beatles insieme, poche settimane prima che Lennon lasciasse segretamente la più grande band del mondo.

L’idea della copertina dell’album Abbey Road

MacMillan ha ricordato: “L’intera idea era di McCartney. Pochi giorni prima delle riprese, ha disegnato uno schizzo di come immaginava la copertina, che abbiamo eseguito quasi esattamente quel giorno. Ho scattato un paio di foto dei Beatles che attraversano Abbey Road in un modo. Abbiamo lasciato passare parte del traffico e poi hanno attraversato la strada nella direzione opposta, e ho fatto qualche altra foto. Quello scelto alla fine per la copertina era il numero cinque di sei. Era l’unico che aveva le gambe in una perfetta formazione a “V”, che è quello che volevo stilisticamente.

La sessione fotografica non convenzionale si è svolta alle 10 del mattino. Solo una manciata di persone ha guardato MacMillan mentre cercava di catturare lo scatto perfetto. Tra di loro c’era l’allora pittore e decoratore 31enne Derek Seagrove, che, con due amici, lavorava per caso alla EMI quel giorno. In piedi per strada, hanno ignorato le richieste di MacMillan di trasferirsi e così sono diventati parte della storia della pop-art. Derek ha detto: “Sono il ragazzo a destra, nell’angolo in basso a sinistra dell’immagine. Non era insolito per me essere ad Abbey Road. Ci sono stato in numerose occasioni. Vedevo i Beatles prendere una tazza di tè alla mensa. A volte eravamo al tavolo accanto e li salutavamo con disinvoltura. In questo giorno, li abbiamo visti uscire dalla porta di casa intorno alle dieci o giù di lì, il che era insolito di per sé. Li vedevi raramente a quell’ora del giorno. La curiosità ha avuto la meglio su di noi, quindi li abbiamo seguiti. Ci fermammo al cancello e loro risalirono dall’altra parte. Siamo rimasti lì a guardare. Il ragazzo che stava scattando la fotografia ci stava facendo segno con la mano per toglierci di mezzo ma abbiamo deciso di restare in piedi. Non avevamo idea del significato dell’immagine.


Revolver – Le cose che non sapete sulla canzone dei Beatles
A Hard Day’s Night: il film sui Beatles


Il complotto sulla morte di Paul McCartney

La foto, tuttavia, ha involontariamente proiettato i Beatles nell’occhio della più bizzarra tempesta complottista degli anni ’60. Alcuni giorni dopo l’uscita dell’album, gli studenti di Detroit hanno setacciato la copertina per cercare prove dell’apparente scomparsa di Paul McCartney. E hanno affermato che i Beatles avevano ingannato fan, dopo aver apparentemente dissotterrato una scia di indizi nascosti in bella vista sulla copertina.

Commenti