Cine34 Mediaset: in arrivo un nuovo canale sul cinema italiano

Cine34 è un nuovo canale televisivo del gruppo Mediaset che sarà dedicato completamente al cinema italiano. Ecco dunque come sarà la sua programmazione-tipo,

0
9793

Mediaset sta per lanciare un nuovo canale tematico interamente dedicato al cinema italiano: una sorta di versione cinematografica di Radio Italia, dunque, nonché un modo per celebrare un’arte che in Italia ha dato molto, soprattutto in passato. Tale canale sarà attivo a partire dal 20 gennaio sulla rete 34 e, proprio per questo, si chiamerà Cine34: un nome semplice, evocativo, d’impatto. Si tratta di una rete che oggi è già occupata da un altro canale Mediaset, Mediaset Extra, che tuttavia non sta per essere soppiantato ma soltanto obbligato al trasloco, passando quindi al 55. La data scelta, il 20 gennaio 2020, non è un giorno come un altro: si tratterà infatti del centesimo anniversario dalla nascita del maestro Federico Fellini.

Cine34: un canale tematico con un’organizzazione precisa

Come già specificato, Cine34 sarà un canale tematico dedicato solo ed esclusivamente al cinema italiano: saranno dunque presenti soltanto film e soltanto di produzione italiana, o quantomeno che abbiano una produzione parzialmente italiana. Il canale non darà spazio soltanto ad alcune correnti più popolari del cinema del Bel Paese: per garantire ciò, la programmazione settimanale è stata divisa per temi in maniera tale da garantire sette prime serate differenti che possano soddisfare un’ampia fetta di pubblico e soddisfare anche chi ha gusti abbastanza trasversali. La rete ha già rivelato la prima settimana di programmazione a mo’ di esempio,

La programmazione della prima settimana

Si inizia dunque di domenica con “Supercult”, uno spazio riservato probabilmente ai film più celebri del cinema italiano senza considerarne il genere: in questo spazio si parte con “Aragosta A Colazione”, una commedia di Giorgio Capitani con Enrico Montesano. Segue di lunedì “Maestri Del Cinema”, uno spazio riservato esclusivamente ai registi ed agli attori più importanti del cinema italiano, a lavori che hanno fatto la storia e sono oggi considerati come oggettivi esempi di qualità: il primo titiolo di questa raffinata rassegna sarà “Miracolo a Milano” di Vittorio De Sica, uno straordinario esempio di fantasy all’italiana risalente agli anni ’50.

Si cambia completamente registro di martedì con “Le Bellissime”, uno spazio riservato invece alle commedie sexy all’italiana: un genere un po’ scomparso ultimamente, ma che ha offerto un vasto catalogo in passato. In questo filone si parte con “La Supplente”, un film erotico degli anni ’70 diretto da Guido Leoni che annovera nel suo cast anche Ilona Staller. Rimaniamo nel settore “film di genere” anche di mercoledì con “A Mano Armata”, un filone dedicato prettamente al cinema poliziesco, genere che in Italia ha sempre mantenuto una sua identità distaccata rispetto al thriller. Il punto di partenza sarà “La Polizia Incrimina, La Legge Assolve”, un film poliziesco con una spiccata componente di critica sociale.

Dario Argento: “Il cinema italiano si sta spegnendo” – INTERVISTA

Bisognerà quindi aspettare al giovedì per il genere più amato dal pubblico italiano: le commedie ed i film comici, a cui è riservato “Non Ci Resta Che Ridere”, un filone dal titolo abbastanza emblematico che non poteva non partire con “Non Ci Resta Che Piangere”, il capolavoro della commedia in cui Massimo Troisi e Roberto Benigni hanno unito le loro comicità. Si cambia completamente di venerdì, una giornata dedicata al thriller e all’horror italiano con “Sfumature di Giallo”, uno spazio che parte con un altro titolo storico per il cinema italiano: si tratta di “Profondo Rosso”, il grande capolavoro thriller/horror di Dario Argento. Si conclude di sabato con una giornata dedicata ad un genere che proprio non esiste più, il genere Western all’italiana che avrà il suo spazio intitolato “Lo Chiamavano Western”: qui si partirà con uno dei più noti film della coppia Bud Spencer e Terence Hill, “Lo Chiamavano Trinità”.

Commenti