Che fine ha fatto Dylan McDermott?

0
3314
Dylan McDermott

Dylan McDermott è un volto molto noto, protagonista di una lunga carriera cinematografica e di molti ruoli televisivi, di cui molti come protagonista principale come in:

The Practice – Professione avvocati

La serie che ha consacrato l’attore, comunque già conosciuto all’epoca, è stata senza dubbio la legal The Practice – Professione avvocati, di cui McDermott ne è stato protagonista principale delle prime sette stagioni (sulle otto totali prodotte; inoltre è apparso in 2 episodi della stagione finale), recitandovi in 147 episodi tra il 1997 ed il 2004. La serie ha narrato le vicende professionali e private di un gruppo di avvocati penalisti di Boston, e Dylan ha vestito i panni dell’avvocato Bobby Donnell. La serie ha in seguito avuto un crossover con l’altra serie televisiva a sfondo forense Ally McBeal (il personaggio di Bobby Donnell ha presenziato qui in 2 episodi), e ha generato lo spin-off Boston Legal, interpretato da James Spader. Grazie alla sua interpretazione McDermott ha vinto un Golden Globe come “Miglior attore in una serie drammatica” nel 1999 (su 3 candidature complessive), ed ha ricevuto una nomination al Premio Emmy.

Big Shots

Nel biennio 2007-08 ha recitato nella stagione unica del drammatico Big Shots, composta da 11 episodi, in cui ha avuto il ruolo del co-protagonista Duncan Collinsworth.

Dark Blue

Altra serie cancellata in cui l’attore ha avuto un ruolo da protagonista è stata Dark Blue, composta da due stagioni prodotte nel biennio 2009-10, per un totale di 20 episodi. Di genere poliziesco, la serie ha seguito le vicende del tenente Carter Shaw, il quale ha dedicato la sua vita ad arrestare i peggiori criminali di Los Angeles fino a quando il suo lavoro gli è costato la fine del rapporto coniugale con la propria moglie. Si ritrova così a dirigere una squadra della polizia che si occupa di operazioni sotto copertura.

American Horror Story

Dylan ha poi avuto un ruolo primario nella prima stagione dell’antologica American Horror Story, sottotitolata Murder House (2011), in cui ha ricoperto il ruolo del Dr. Benjamin “Ben” Harmon, uno psichiatra che a causa del suo tradimento ha messo in crisi il suo matrimonio; la casa in cui si trasferirà con la moglie per ricominciare da zero non aiuterà di certo la coppia… L’anno seguente, il 2012, lo ha visto partecipare anche alla seconda stagione, sottotitolata Asylum, nell’inedito ruolo del Bloody Face moderno. Dylan ha poi ripreso il ruolo di Ben Harmon nell’ottava stagione, la crossover (tra la prima e la terza) Apocalypse (2018), in cui è apparso per un cameo. Tra le tre esperienze in totale l’attore ha recitato in 18 episodi di AHS.

Hostages

Terza serie cancellata in cui Dylan ha avuto un ruolo da co-protagonista è stata il thriller Hostages, prodotta nel 2013-14 e composta da un’unica stagione da 15 episodi. Qui ha avuto la parte dell’agente dell’FBI corrotto Duncan Carlisle, il quale in una cospirazione politica contro il Presidente degli Stati Uniti d’America prende in ostaggio la protagonista, l’affermato chirurgo di Washington Ellen Sanders, la quale ha avuto l’incarico di operare il Presidente stesso.

Stalker

Ennesima serie cancellata in cui l’attore ha recitato è stata Stalker, un poliziesco del 2014-15 composto da una sola stagione da 20 episodi in cui Dylan ha interpretato il detective Jack Larsen, il quale indaga su vari casi di stalking per la Threat Assessment Unit del Los Angeles Police Department.

LA to Vegas

Quinta (e si spera per lui ultima) serie cancellata con McDermott protagonista è LA to Vegas, prodotta nel 2018 e composta da una stagione da 15 episodi complessivi. Questa comedy ha seguito le vicende dell’equipaggio di una compagnia aerea a basso costo denominata “Jackpot Airlines” il cui volo principale è il viaggio di un weekend da Los Angeles a Las Vegas, dove ovviamente ne accadono di tutti i colori… Dylan è stato il Capitano Dave Pratman.

La carriera cinematografica

La carriera cinematografica di McDermott è piuttosto lunga, ed il suo debutto risale al 1987, quando prese parte ad Hamburger Hill: collina 937 di John Irvin. Poi, nel tempo, ha recitato in: Fiori d’acciaio (Herbert Ross, 1989), Hardware – Metallo letale (Richard Stanley, 1990), Diario di un assassino (Charles Finch, 1991), Nel centro del mirino (Wolfgang Petersen, 1993), Miracolo nella 34ª strada (Les Mayfield, 1994), A casa per le vacanze (Jodie Foster, 1995), La giuria (Gary Fleder, 2003; film tratto da un romanzo di Grisham), The Messengers (Oxide Pang Chun e Danny Pang, 2007), Candidato a sorpresa (Jay Roach, 2012), Noi siamo infinito (Stephen Chbosky, 2012), Attacco al potere – Olympus Has Fallen (Antoine Fuqua, 2013) ed Automata (Gabe Ibáñez, 2014).

E oggi?

Anche quest’anno l’attore è stato molto attivo sul piccolo schermo. Il 27 settembre è stata rilasciata da Netflix la prima stagione di The Politician, black comedy in 8 episodi in cui l’attore è apparso in 3 episodi. Inoltre sta lavorando per la quarta volta in American Horror Story, recitando il ruolo ricorrente di Bruce nella nona stagione, sottotitolata 1984, attualmente in onda sul network Fox del pacchetto Sky. Infine è recente la notizia secondo la quale è entrato nel cast della terza stagione della crime comedy No Activity con un ruolo ricorrente.

Commenti