Box 314 La rapina di Valencia | Trama e cast

0
787
locandina Box 314 La rapina di Valencia

Il regista di Box 314 La rapina di Valencia, è lo spagnolo Daniel Calparsoro e negli ultimi anni si è dedicato a lanciare thriller d’azione, a volte con un angolo politico (Invasor) e talvolta semplicemente vuoti (Combustion). Quindi è anche un bene che La rapina di Valencia, un lavoro fatto con abilità, sia radicato nella realtà spagnola contemporanea di corruzione politica di alto livello, perché ciò conferisce a questo prodotto altamente raffinato almeno la patina di profondità e urgenza.

Box 314 La rapina di Valencia e la politica spagnola

Rendere tutta la sporcizia morale così dannatamente attraente e adatta al pubblico è discutibile, ma è quello che fanno i thriller, e Calparsoro, nel suo modo generico e indistinto, lo fa bene. Questo film è intelligente, ben interpretato, sceneggiato in modo tortuoso e ben girato. Prodotto in parte dallo stesso team del successo internazionale del 2009 di Daniel Monzon, Cell 211, il film parla degli imbrogli di una banda di malfattori rinchiusi insieme in un luogo alieno, con protagonista un Luis Tosar arrabbiato.

Trama

Sta piovendo forte a Valencia, nella Spagna orientale, il giorno in cui Sandra, direttrice di banca (Patricia Vico) riceve la chiamata che è “sulla lista”, cioè che sta per essere licenziata. La città, per inciso, è diventata una sorta di sinonimo di corruzione. In quella che si rivelerà una pausa fortunata per Sandra, la banda guidata da El Uruguayo (Rodrigo de la Serna), un rapinatore sfacciato che è sempre un passo avanti, e Gallego (Luis Tosar) decide di rapinare la banca. Indossano maschere dall’aspetto costoso che sembrano interessanti ma che forse non nascondono le loro caratteristiche come pensano di fare. I prigionieri sono a terra, l’edificio è circondato.

I colpi di scena

Ma la banda non aveva considerato la pioggia e, mentre cercano di scappare dal tunnel sotterraneo, scoprono che l’acqua sta salendo rapidamente. Sandra, sapendo di essere comunque senza lavoro, conclude un accordo con Gallego. La netta distinzione tra criminali e vittime si interrompe e lo slogan di marketing spagnolo del film “Chi sta derubando chi?” entra in gioco. Una cassetta di sicurezza in banca, appartenente a un politico e contenente materiale sensibile, è intrappolata lì con loro, e diventa una questione urgente per l’addetto stampa del governo, Ferran (Raul Arevalo) farlo uscire non aperto.

Questo è solo il primo dei colpi di scena nel film, che si accumulano a una velocità quasi sbalorditiva. È una trama complicata, ma fondamentalmente resiste al controllo post-visualizzazione. Box 314 La rapina di Valencia ha tutto quello che assoceresti a un thriller di questo genere: tunnel, bombe a orologeria e pannelli che scorrono su buchi nel pavimento. Ma ha anche di più, e la sceneggiatura di Guerricaechevarria si piega con precisione in una dura critica alla corruzione istituzionalizzata.

Il cast di Box 314 La rapina di Valencia

Data l’antipatia che gli spagnoli attualmente nutrono verso le banche e la classe politica, non è difficile simpatizzare con i ladri, che almeno non sono uomini grigi dalla faccia seria come i loro antagonisti.

Rodrigo de la Serna sembra passare un bel po ‘di tempo nei panni dell’irrefrenabile, arguto epiteto argentino uruguaiano che esce dalle sue labbra e in netto contrasto drammatico con l’intenso Tosar abbottonato. Solo Loco (Joaquin Furriel) può eguagliare la loro particolarità. Il povero Jose Coronado e Marian Alvarez sembrano aver ricevuto mezzi ruoli.

Commenti