Beyonce è regina del 63° Grammy Awards

0
320
beyonce regna

La notte del 63° Grammy Awards si è conclusa all’insegna delle donne. Beyonce è regina con la quantità di premi vinti mentre Taylor Swift si è accaparrata il premio più importante della cerimonia. Ma vediamo cosa è successo durante la serata.

Beyonce è regina indiscussa?

Beyonce è regina nella notte del 63° Grammy Awards conquistando 4 premi, portandola così a quota 28 premi nella sua carriera. Superando così la star country Alison Krauss. I premi vinti da Beyonce sono per la migliore performance R&B, migliore performance rap, migliore canzone e miglior video musicale. Prima di salire sul palco per ritirare i premi Beyonce molto emozionata ha abbracciato suo marito Jay-Z.

“Sono così onorata, sono così eccitata. Come artista credo che sia il mio lavoro rispecchiare i tempi che stiamo vivendo ed è stato un momento così difficile, quindi volevo elevare, incoraggiare, celebrare tutte le bellissime regine e re neri che continuano a ispirarmi e ispirare il mondo intero. Questo è così travolgente. Ho lavorato tutta la mia vita, da quando avevo nove anni e non posso credere che sia successo, è una notte così magica. Grazie mille.” Questo il discorso emotivo di Beyonce. Inoltre rende omaggio ai suoi tre figli.


Taylor Swift ai Grammy dopo 5 anni ed è stata pura magia

La cantante Dua Lipa si esibirà ai Grammy Awards

Grammy Awards 2021: tutto quello che c’è da sapere


Beyonce regna e altre star femminili dominano

Come è stato detto nelle previsioni delle possibili vincitrici non solo Beyonce è regina nella notte. Anche Taylor Swift ha vinto l’album dell’anno con il suo Folklore, e a seguire la star britannica Dua Lipa, Megan Thee Stallion e Billie Eilish sono state le altre grandi vincitrici.

Taylor Swift dopo aver vinto l’album dell’anno, che è il più grande premio della serata, per Folklore, ha ringraziato i suoi collaboratori tra cui Justin Vernon di Bon Iver e l’attore britannico Joe Alwyn, il suo fidanzato da cinque anni. Ha dichiarato riferendosi a Alwyn “è stata la prima persona con cui suono e scrivo ogni singola canzone, mi sono divertita a scrivere canzoni con te in quarantena”. Swift ha anche salutato i suoi fan, affermando: “Ragazzi, ci avete incontrato in questo mondo immaginario che abbiamo creato e non possiamo dirvi quanto ne saremo per sempre onorati”. Il suo successo l’ha vista diventare la prima cantante donna a vincere tre volte l’album dell’anno.

I Grammy, che sono stati rimandati a causa della pandemia di gennaio, si sono svolti nel Los Angeles Convention Center e presentati da Trevor Noah. Durante il suo monologo di apertura, Noah ha descritto i nominati con le mascherine, seduti e socialmente distanziati e ha dichiarato “c’è più tensione in quella tenda che in una riunione di famiglia a Buckingham Palace”, riferendosi alla recente intervista bomba di Henri e Meghan con Oprah Winfrey. Ha poi aggiunto “Stasera speriamo che tutto questo riguardi ciò che può essere il 2021, pieno di gioia, nuovi inizi e incontri. Non dimenticheremo mai quello che è successo nel 2020 ma siamo pieni di speranza per quello che verrà.”

Grammy Awards nell’era della pandemia

Alcune delle più grandi star del mondo si sono esibite in diverse fasi, una precauzione dell’era della pandemia. Molte delle esibizioni sono state pre-registrate, ma tutte sono state presentate come se fossero dal vivo. L’esibizione di Taylor Swift è stata quella più attesa della cerimonia. La cantante si è esibita con un medley delle sue canzoni dagli album Folklore e Evermore. La sua performance è stata definita rustica in quanto sullo sfondo del palco era presente una capanna di tronchi di legno. Per questa esibizione è stata raggiunta dai suoi collaboratori Jack Antonoff e Aaron Dessner. Le canzoni che hanno eseguito sono Cardigan, August e Willow.

Harry Styles ha dato il via allo spettacolo con una versione di Watermelon Sugar, la canzone che gli ha fatto vincere il suo primo Grammy. L’ex star dei One Direction, noto per il suo senso della moda androgino, si è esibito indossando un outfit con una giacca di pelle aperta e una combinazione di pantaloni con una sciarpa verde.

La sensazionale pop Billie Eilish, che ha dominato la cerimonia dello scorso anno, è salita sul palco per il suo singolo Everything I Wanted, esibendosi sul tetto di un’auto che sembrava essere sommersa nel pavimento dello studio. La diciannovenne ha poi vinto il record dell’anno per Everything I Wanted.

Esibizioni tra emozioni, proteste e sorprese

Dua Lipa, che ha vinto il Grammy come miglior nuova artista nel 2019, ha eseguito un medley delle sue canzoni indossando un vestito rosa scintillante, ed è stata raggiunta dal rapper DaBaby per il brano Levitating. Cardi B e Megan Thee Stallion sono apparsi insieme per una versione più adatta alle famiglie del singolo esplicito WAP, offrendo una performance tipicamente osé che incorpora sia uno stiletto gigante che un letto.

L’esibizione del rapper Lil Baby di The Bigger Picture si è svolta su un set ispirato ai disordini sociali dello scorso anno, con i manifestanti che si scontravano con la polizia. Megan Thee Stallion in lacrime ha vinto come miglior artista nuovo, trovandosi ai vertici della musica rap. Trattenendo le lacrime, la star di Houston ha elogiato i suoi colleghi nominati, Dio, la sua squadra e la sua defunta madre, morta di un tumore al cervello nel 2019. Harry Styles ha vinto la migliore performance da solista pop per il suo grande successo Watermelon Sugar. In quella che è stata una sorpresa per molti , H.E.R. ha portato a casa la canzone dell’anno Grammy per I Can’t Breathe. Ha scritto il brano di protesta sulla scia degli omicidi della polizia di persone di colore disarmate ed è stata premiata con uno dei quattro Grammy più prestigiosi.

Grammy e “in memoria”

Il miglior album country è andato a Miranda Lambert per Wildcard, alcuni premi sono stati consegnati da proprietari di locali di musica dal vivo negli Stati Uniti, che erano stati costretti a chiudere a causa della crisi sanitaria. Tra questi lo Station Inn a Nashvville Tennessee, The Troubadour a West Hollywood e l’Apollo Theatre di Harlem. L’evento dei Grammy ha dato spazio con il momento “in memoria” ai musicisti morti negli ultimi 12 mesi. Includevano il pioniere del rock and roll Little Richard, alla star della musica country Kenny Rogers e al cantante folk John Prine. Inoltre anche tributi al cantante di You’ll Never Walk Alone Gerry Marsden, al fondatore dei Fleetwood Mac Peter Green, al cantante dei Fountains Of Wayne Adam Schlesinger, al produttore Sophie, alla star della musica country Charley Pride e al rapper Pop Smoke.

Commenti