Ben Affleck: nomination ai Golden Globe per “The Tender Bar”

0
351
Ben Affleck

Ben Affleck ha fatto irruzione sulla scena con Good Will Hunting nel 1998 e da allora la sua carriera è stata ripida. Ora ha ricevuto la seconda nomination come miglior attore non protagonista per The Tender Bar.

Quali sono gli inizi di Ben Affleck?

Ben Affleck, che ora ha 49 anni, è nato a Berkeley, in California, ma è cresciuto nella città universitaria di Cambridge, nel Massachusetts, che è stata anche l’ambientazione del suo film rivoluzionario. A 12 anni ha ottenuto il suo primo lavoro da attore in una pubblicità di Burger King. Allo stesso tempo, ha incontrato il suo migliore amico Matt Damon. A 21 anni, ha realizzato il suo primo lungometraggio, il cult Dazed and Confused, seguito da indie come Mallrats e Chasing Amy di Kevin Smith. In seguito si è dedicato alla regia con due film che lo hanno colpito per il luogo in cui erano ambientati, il suo stato d’origine: il thriller Gone Baby Gone e il dramma criminale The Town.

The Tender Bar

L’attore, che in precedenza ha vinto due Golden Globe, ha ottenuto la sua seconda nomination come miglior attore non protagonista per un piccolo film intitolato The Tender Bar, diretto da George Clooney e interpretato da Christopher Lloyd, Tye Sheridan, Lily Rabe e l’esordiente Daniel Ranieri.

Trama

“The Tender Bar racconta la storia di J.R., un ragazzo senza padre che cresce nel bagliore di un bar dove il bartender, suo zio Charlie, è il più acuto e colorato tra un assortimento di figure paterne eccentriche ed espansive. Mentre la determinata madre del ragazzo cerca di dare al figlio le opportunità a lei negate, lasciando anche la casa dilapidata di suo padre, oltraggioso e malvolentieri di supporto, J.R. inizia coraggiosamente, anche se non sempre con graia, a inseguire i suoi sogni romantici e professionali, con un piede sempre presente nel bar dello zio Charlie”.

Le sue parole

Per la scelta del suo ruolo ha detto di aver accettato: “perché la parte era così buona e perché George la stava dirigendo. Ed è davvero l’unica volta in tutta la mia carriera che, proprio come dal cielo, qualcuno ti chiama e dice: ‘Ehi, vuoi fare questa parte fantastica con la regia di George Clooney?”.Poi la spinta della figlia: “Mia figlia ha letto la sceneggiatura. Ha detto, ‘Oh, stai solo interpretando te stesso?’ Ho detto, “Cosa intendi? ‘Lei è tipo’ Bene, questo, questo personaggio sta lì e fa sermoni alle persone per tutto il tempo, proprio come fai tu”.

Affleck e Clooney

Questa non è la prima volta che Affleck ha collaborato con Clooney e il suo partner di produzione Grant Heslov. Quasi dieci anni fa, il duo gli ha offerto la possibilità di dirigere uno dei grandi progetti che avevano opzionato. Il film era Argo, la storia vera di un agente della CIA che ha lanciato una pericolosa operazione per salvare sei americani a Teheran durante la crisi degli ostaggi in Iran del 1979. Il film ha vinto un Golden Globe per il miglior film drammatico e un altro per Affleck come miglior regista.

Il ricordo

“Dico sempre che ho avuto due grandi produttori. Uno è il famosissimo Grant Heslov, l’altro un ragazzo di nome George Clooney. Avevano i diritti per il film, ma non appena ne ho sentito parlare, ho detto: “Devi lasciarmi dirigere”. Grazie a Dio, George era impegnato con altri progetti. Sono fortunato perché entrambi sono registi e sapevano di cosa avevo bisogno. Questo tipo di conoscenza e supporto non ha prezzo. George è comunque la persona più intelligente di Hollywood”.

Commenti