Bad Candy: le storie spettrali di Halloween (2020)

0
343

Il film antologico di Halloween è diventato una specie di ‘cult’ negli ultimi anni, con film come Trick ‘r Treat e Tales of Halloween che sono diventati i preferiti, catturando con successo lo spirito della stagione e, cosa più importante, avendo più successi che fallimenti nel loro arsenale narrativo. Bad Candy è l’ultima antologia che si basa sul periodo più spettrale dell’anno, ma riesce a catturare l’essenza della notte di Samhain allo stesso modo dei titoli precedentemente menzionati?

Di cosa parla Bad Candy?

Fin dall’inizio Bad Candy inzuppa le retine con luci al neon e ti culla in un certo stato d’animo per mezzo di un DJ notturno chiamato Chilly Billy (il cantante degli Slipknot Corey Taylor) e il suo produttore Paul (Zach Galligan dei Gremlins), che incoraggia i loro ascoltatori a chiamare con storie raccapriccianti per riempire le onde radio. Sì, è un po’ un cliché e un modo di fare un po’ naff, ma funziona come impostazione, e Taylor e Galligan hanno l’energia giusta per tirarlo fuori. Come è tradizione in queste cose, la prima storia è un po’ sfigata. Una giovane ragazza deve rinunciare al suo dolcetto o scherzetto serale con i suoi amici a causa del suo patrigno violento che le chiede di rimanere a casa. Per qualche motivo questo grosso bruto ha un vero e proprio problema con Halloween ma la sua figliastra birichina ha un blocco da disegno magico dove qualsiasi cosa lei disegni prende vita. Così lei disegna una strana creatura simile a un Muppet con denti aguzzi, una fata e uno strano demone. Potete indovinare il resto, anche se vale la pena sottolineare che è qui che abbiamo il nostro primo assaggio della terribile CGI che fa troppe apparizioni in tutto il film.

Il clown

Ma prima di arrivarci abbiamo un brevissimo segmento in cui un vecchio brontolone schiaccia delle lamette da barba nelle caramelle che distribuisce, facendo sorgere di nuovo la domanda sul perché queste persone odiano aggressivamente Halloween. Comunque, il suo numero è finito quando un clown mascherato con le corna da diavolo, che compare più volte e che viene accreditato come Bad Candy, bussa alla sua porta e gli mostra l’errore dei suoi modi. Di nuovo, è tutto un po’ prevedibile, ma i colori latenti e la strana performance di Bill Pacer sono abbastanza affascinanti, anche se il fatto che questo sia considerato come una storia completa o solo un breve interludio evidenzia uno dei più grandi difetti di Bad Candy, cioè quanto le storie siano disordinate e come il tutto si incastri.

Le storie che finiscono una dentro l’altra

Sembra che i co-registi/sceneggiatori Scott B. Hansen e Desiree Connell stiano tentando di creare il loro piccolo universo in cui ambientare le loro storie, in uno stile simile a Trick’r Treat, se vogliamo, ma anche se certi personaggi compaiono qua e là, alcune storie vengono abbandonate e poi riprese in seguito e abbiamo il clown ricorrente di Bad Candy che entra ed esce in vari momenti per cercare di collegare il tutto, tutto sembra un po’ pasticciato e non strutturato, specialmente quando si cerca di capire dove finisce una storia e ne inizia un’altra. È un difetto che diventa sempre più frustrante più si va avanti nel film e quando la storia finale inizia a concludersi lo slancio è stato perso e diventa chiaro che Bad Candy sarebbe dovuto finire circa 15 minuti prima.

L’atmosfera giusta di Bad Candy

Ma non è tutto negativo. Infatti, quando Bad Candy è al punto giusto è in realtà piuttosto buono e molto efficace nell’evocare l’atmosfera stagionale richiesta. La storia centrale, che coinvolge un’inserviente ubriaca dell’obitorio e un cadavere di cui si invaghisce, è l’ovvio punto culminante ed è l’unica storia che va dritta al macabro senza alcuna impostazione enorme, e sembra davvero una storia completa dall’inizio alla fine. Come detto in precedenza, l’illuminazione al neon, i colori brillanti e l’estetica autunnale funzionano molto bene, Corey Taylor e Zach Galligan danno abbastanza peso ai loro ruoli particolari per tirare fuori ciò che viene loro richiesto e c’è molto sangue in offerta (anche se molto è sangue in CGI, e sappiamo tutti che non può mai venire niente di buono da questo, ragazzi) quindi per un’antologia horror che evoca lo spirito di Halloween fa abbastanza da giustificare la riproduzione su uno schermo televisivo in background ad una festa di Halloween dove ci si può immergere quando sembra interessante. I problemi arrivano solo quando si cerca di sedersi e seguire ciò che sta accadendo perché come narrazione non lineare semplicemente non si realizza o non va da nessuna parte in modo soddisfacente. Comunque, quella scena dell’obitorio, però…

Commenti