Asaf Avidan, ‘Anagnorisis’ – Recensione Album

0
368

‘One day, baby, we’ll be old and think of all the stories that we could have told’, è una frase che probabilmente suona familiare a molti. Nell’estate del 2012 Asaf Avidan e Wankelmut hanno conquistato ogni chart grazie al remix che quest’ultimo ha fatto di “Reckoning Song”. La canzone non è rimasta bloccata a causa della melodia orecchiabile o della voce unica di Avidan in cui la domanda urgente è costantemente se sentiamo cantare una donna o un uomo (o qualunque cosa tu voglia). Avidan non ha più ottenuto un vero successo, ma ha continuato a fare musica e ne siamo felici!

Il cantautore israeliano ha dimostrato nei suoi album precedenti di essere un maestro nel provare e combinare stili diversi. In Different Pulses e Gold Shadow, ad esempio, è riuscito a tentarci più volte con un mix di blues, rock, soul e anche pop. Anche se il suo album precedente, The Study on Falling, non è stato un vero culmine musicale, lo compensa completamente con il suo nuovo disco. Anagnorisis ti porta in un incantevole viaggio attraverso la terra musicale in cui l’esplorazione dello spettro musicale di Avidan continua indisturbata. Lo si sente subito in “Lost Horse”, la prima traccia dell’album, in cui il cantante è stato chiaramente influenzato dall’hip-hop degli anni Novanta. Inoltre, a volte si respira anche un’atmosfera jazz. Tuttavia, il messaggio dietro la canzone è meno frivolo. Avidan canta di tutti i cari che hanno perso durante la sua vita in risposta al suo cavallo che è caduto di recente da una scogliera, inseguito da un branco di lupi. Sfortunatamente, il cavallo non è mai stato ritrovato, letteralmente un “cavallo smarrito”.

La tragica traccia di apertura segue immediatamente il singolo più recente di Avidan, “900 Days”. Anche in questo brano, l’artista esplora ulteriormente la cultura R&B e hip-hop. Combina questo con un coro gospel molto speciale, che ci fa sentire come se fossimo in una chiesa degli Stati Uniti. Speciale, perché ogni voce che senti è stata cantata dallo stesso Avidan e questo si applica a tutte le voci dell’intero album. La voce polifonica entra in gioco anche nelle prossime due canzoni, “Earth Odyssey” e “No World”. 

Il cantante rallenta un po’ in “Anagnorisis”. Anche in questo caso è possibile ascoltare un mix di suoni diversi tra cui beat, pianoforte, una tromba jazz e persino alcuni sintetizzatori che ricordano l’intro di Stranger Things. Anagnorisis, che è anche il titolo dell’album, si riferisce al momento in teatro in cui un personaggio acquisisce una visione profonda della propria situazione, spesso seguito da una svolta critica nella storia. La domanda è se Asaf Avidan abbia quindi scelto di posizionare questa canzone al centro dell’album. Dopo le canzoni un po’ più tranquille, il cantante ci sveglia di nuovo con una canzone roboante e up-tempo che a volte ricorda anche un po’ Billie Eilish. In ogni caso, Avidan riesce a mantenere alto il nostro interesse anche dopo l’anagnorisis. Dopo la resurrezione dei battiti sentiamo in “Wildfire” un altro registro della voce di Asaf. La nasalità alta è scomparsa del tutto per un po’ e lascia il posto a un timbro afoso e jazzato.

Per compensare il mancato utilizzo della voce di testa per tutti e tre i minuti e 44 secondi, Avidan usa “Indifferent Skies” con la sua voce del naso sovrumana. Ci vuole un po ‘per abituarsi a questa transizione, ma dopo il ritornello molto cantato lo dimentichiamo presto. In “Darkness” Asaf Avidan espone poi l’oscurità più profonda della sua anima. È estremamente fragile e questo arriva. L’album si chiude con “I See Her, Don’t Be Afraid”. L’intenzione per questa canzone era chiaramente mantenerla semplice. Sfortunatamente, l’artista perde un po’ in quella sobrietà. La semplicità della canzone contrasta con la complessità del resto dell’album. È la conclusione tranquilla di un viaggio di scoperta faticoso ma riuscito.

In Anagnorisis, Asaf Avidan continua a reinventare se stesso e abbozza la diversità della sua personalità in profumi e colori. Per chi non l’avesse ancora notato, la silhouette di Avidan si scorge nell’ombra della coloratissima copertina di questo album, un riferimento metaforico al modo in cui la nostra vera identità a volte rimane nascosta dietro la maschera che indossiamo per il mondo esterno. In questo disco Avidan si toglie la maschera e ci fa godere i lati più oscuri della sua esistenza. Voto ★★★★

Commenti