Archive 81: la serie horror di cui l’umanità aveva bisogno

0
553

L’umanità ha bisogno di scemenze e mai come quando le cose sono così inesorabilmente cupe. Portateci delle scenografie assurde. Portateci trame ridicole. Portateci un’escalation di nonsense, melodramma, irrealismo e tutto il resto ad alta energia e bassa posta in gioco. Portateci fuori di noi per un’ora, un capitolo o un rullo alla volta. Ecco cosa potete trovare in Archive 81 di Netflix.

Archive 81: un successo da capire

Affinché l’hokum abbia successo ha bisogno di prendersi sul serio: niente cenni, ammiccamenti alla telecamera o ghigni cinici nella sceneggiatura. I creatori devono giocare dritto, in modo che gli spettatori possano prenderlo come vogliono. Su tutte queste basi, la nuova serie horror di Netflix, Archive 81, si dimostra all’altezza. La sua doppia narrazione vede l’archivista cinematografico e creatore di musei Dan Turner (Mamoudou Athie) reclutato, nel presente, da un enigmatico uomo d’affari chiamato Virgil Davenport (Martin Donovan, che spero si stia godendo il nome di punta del suo personaggio) per restaurare una serie di nastri danneggiati dal fuoco. Sono il resto di un progetto di storia orale intrapreso dalla studentessa Melody Pendras (Dina Shihabi) nel 1994. La sua storia si svolge per noi attraverso “found footage” e flashback. Sta registrando le storie di vita degli abitanti del condominio Visser, che è stato costruito sul sito di un palazzo che è bruciato nel 1920 e – che Melody non lo sappia! – sta per bruciare di nuovo, lasciando 13 persone scomparse. È aiutata nella sua ricerca dalla giovane adolescente Jess (una performance sorprendentemente buona di Ariana Neal, in uno spettacolo pieno di loro), che è nata nel palazzo e scommetto che sa più di quanto lascia intendere inizialmente.

La trama

Per fare il suo lavoro di restauro e guadagnare 100.000 dollari per il lavoro, Dan deve stare da solo in un complesso isolato nelle Catskills una volta usato dalla società di test del DNA di Virgil – una delle tante torte in cui ha più del solito numero di dita. Non c’è wifi e a malapena c’è ricezione per il cellulare – appena sufficiente per mettersi in contatto occasionalmente con il suo migliore amico, Mark, e chiedergli di cercare su Google i nomi delle persone che Melody menziona sui nastri. C’è una linea telefonica fissa, ma sembra essere sotto controllo. Dan arriva rapidamente a sospettare di essere sorvegliato anche lui. Ma Dan una volta ha avuto un esaurimento nervoso, dopo che la maggior parte della sua famiglia è stata uccisa in un incendio, quindi probabilmente sta immaginando le cose, giusto?


Apple TV+ rilascia il trailer di The Sky is Everywhere

La somma di una serie di situazioni irreali, surreali, immaginate… o forse no

Nel corso delle otto ore di durata degli episodi della serie, Archive 81 mescola porzioni generose , anche se forse a volte a un ritmo troppo maestoso, di teorie di cospirazione, spaventi, pedinamenti nei corridoi, cose che succedono di notte, figure resuscitate dal passato, allucinazioni, consigli in codice da parte di inquilini di lunga data, musica ossessionante i cui ceppi terrificanti entrano di notte nella stanza di Melody e la mettono in uno stato di collasso nervoso, avvenimenti di culto, sorrisi misteriosi da parte degli abitanti del sesto piano, avvertimenti salutari da parte dei timorosi abitanti del primo al quinto piano e una promessa di raccolta che, finché non si guarda troppo da vicino qualcosa o per troppo tempo, più o meno tutto sarà rivelato in un modo più o meno soddisfacente. Come per la maggior parte delle serie di questa natura, è meglio guardarla nel tempo piuttosto che abbuffarsi tutta in una volta, quando i salti di fede richiesti per superare le varie illogicità e incongruenze possono diventare troppo estenuanti. È uno di quei programmi in cui si consiglia di sedersi, rilassarsi e godersi il viaggio.

Commenti