Alone: thriller solo all’inizio

0
148

I primi 30 minuti circa di “Alone” di John Hyams sono promettenti. Jessica (Jules Willcox) fa le valigie con la sua roulotte U-Haul e si trasferisce da Portland, in Oregon, per luoghi sconosciuti. Ovunque si trovino, sono nel profondo del deserto. Jessica sta scappando da Qualcosa di traumatico, come si addice a tutti i protagonisti di questo tipo di film. Non scopriremo mai dove stava andando Jessica, perché i suoi piani vanno a rotoli.

La trama di Alone

Vedi, c’è un serial killer a piede libero. È un uomo dall’aspetto sciocco con gli occhiali e una scopa al posto dei baffi. Si potrebbe pensare che i realizzatori abbiano optato per questo look per distrarre le vittime dalla sua malvagità, ma il ragazzo si comporta quasi sempre in modo inquietante. Nella sua prima interazione di persona con Jessica, Man le chiede dove sta andando, cerca di coinvolgerla in conversazioni sconvenienti con gli estranei e poi sottolinea che stava guidando la Jeep Grand Cherokee che l’ha quasi fatta ammazzare quando ha cercato di passargli davanti alcuni miglia indietro. Spero che Jeep sia stata pagata bene per questo particolare posizionamento del prodotto. Ad un certo punto Man si presenta per picchiarla fino a farla svenire, drogarla e rapirla. Jessica si sveglia in una stanza vuota del seminterrato opportunamente attrezzata con un bel raggio di sole che scorre attraverso le finestre sbarrate.

La suspense che finisce subito

Fin qui tutto bene per un thriller. C’è anche un discreto momento di suspense in cui Man tormenta Jessica per l’evento devastante che l’ha portata a fare i bagagli. Quando Jessica implora per la sua vita, Man chiede “pensi di essere la prima persona che ha fatto questo?” È l’ultima volta che Man sembrerà spaventoso, il che è un peccato perché il film è appena all’inizio. Non c’è tortura o aggressione sessuale, grazie al cielo, e Jessica fugge facilmente da Man dopo che sente l’uomo parlare con la moglie e la figlia al cellulare. Lo sceneggiatore Mattias Olsson vuole davvero appoggiarsi all’idea che l’Uomo stia vivendo una vita segreta. Le basi del thriller praticamente.

L’inutilità del secondo personaggio maschile

Qualsiasi benevolenza di genere generata dalla direzione e dal ritmo sicuri di Hyams si perde quando il film introduce un altro personaggio, Robert (Anthony Heald). Robert è stupido. Prima che si presenti, Jessica subisce un raccapricciante infortunio al piede mentre scappa da Man, quindi mi aspettavo che “Alone” diventasse una battaglia di volontà tra i due nel grande, brutto deserto. Alla fine, lo fa, il che rende Robert non solo completamente estraneo, ma anche la prova vivente che un bravo ragazzo con una pistola non ferma nulla. Il dialogo che all’uomo è dato è atroce. Quando il film lo sorprende a monologare mentre cerca di stanare Jessica dall’oscurità, i suoi tentativi di tortura psicologica suonano dilettantistici e meschini. È merito di Wilcox che interpreta così abilmente il disagio mentale che quasi salva la scena.


Mel Gibson protagonista nel thriller d’azione “Hot Seat”


L’eroina femminile

“Alone” ci dà poche ragioni per preoccuparci se il nostro eroe ne uscirà vivo, ma devo dare credito a dove è dovuto: Jessica non è una damigella in pericolo. Sebbene faccia alcune scelte discutibile è più furba e impegnata di una vittima standard. C’è una scena in cui lei prende temporaneamente il sopravvento con un ferro da stiro, e quando scappa, ha il buon senso di portare con sé quel ferro da stiro. Ho riso, perché non pensavo che l’avrebbe fatto. Ha mostrato un vero istinto di sopravvivenza. C’è anche una scena in cui un potenziale salvatore, di fronte al credere a Jessica o a Man, si schiera con l’assassino semplicemente perché Man lo convince che Jessica è isterica.

Commenti