Abba: punti nulli all’Eurovision per la band nel ’74

Il Regno Unito avrebbe assegnato “punti nulli” alla band svedese

0
282
Abba

Il Regno Unito potrebbe aver assegnato dei punti “nulli” all’Eurovision Song Contest del 1974 agli Abba. Ciò si dovrebbe al fatto che la band svedese avrebbe sicuramente portato alla sconfitta della rappresentante della nazione del Regno Unito Olivia Newton John. Secondo quanto riferisce il cantautore degli Abba Björn Ulvaeus alla BBC, ciò potrebbe essere vero.

Il Regno Unito ha assegnato punti nulli agli Abba nel 1974?

Nell’estate del 1974, il Regno Unito ospita l’Eurovision Song Contest. La possibilità di vincere per la rappresentante della nazione Olivia Newton John è in bilico, nonostante sia tra i concorrenti favoriti. Vi è però un pericoloso concorrente: una band arrivata da Stoccolma e formatasi solo due anni prima, gli Abba, si esibisce in quello che sembra essere uno degli spettacoli più popolari di sempre. Waterloo, il loro pezzo, vince l’Eurovision Song Contest. Gli Abba hanno tuttavia ricevuto un giudizio “nullo” da parte della giuria britannica.

Le parole di Björn Ulvaeus

Ora, a quasi cinque decenni di distanza dalla vittoria, il cantautore della band svedese Björn Ulvaeus ha suggerito che il Regno Unito avrebbe potuto assegnare agli Abba il minor punteggio possibile, poiché erano visti come la maggiore minaccia presente quell’anno al Contest. Ulvaeus ha spiegato alla BBC: “Certamente avrebbe potuto essere andata così. Perché gli inglesi sono stati i primi ad abbracciarci dopo aver vinto, quindi la giuria avrebbe potuto essere così astuta – è molto probabile in realtà”. Secondo il cantautore, la sua compagna di band Anni-Frid Lyngstad, sostiene che Olivia Newton Johns, sua buona amica, sapeva che la band svedese avrebbe vinto.

Ulvaeus degli Abba parla della situazione attuale dello streaming

Gli Abba si stanno però ora concentrando sul presente. La star degli Abba Björn Ulvaeus ha infatti recentemente cooperato alla pubblicazione di un rapporto intitolato Rebalancing the Song Economy. Si tratta di un rapporto concernente l’impatto della pandemia sull’industria musicale a livello globale. Esso mira a proporre possibili soluzioni per gli attuali problemi legati allo streaming.  Il cantante degli Abba sostiene infatti che il biennio 2020-2021 sia stato e sia attualmente molto difficile per i cantanti, soprattutto per la cancellazione degli eventi musicali come conseguenza alle restrizioni. Ulvaeus ha tuttavia affermato: “Ma abbastanza stranamente, il fatto che gli artisti siano stati fermati dal tour ha fatto capire loro quanto poco stessero effettivamente guadagnando dallo streaming. Avevano guadagnato il 70% forse dal tour, dal merchandising e da tutto ciò, e improvvisamente sono dovuti sopravvivere in streaming”.


Leggi anche: Clodagh Rodgers: UK non vincerà mai Eurovision per vaccino

Commenti