10.000 A.C: un film che parla di un tempo lontano dalla civiltà

Nel 2008 è uscito al cinema il film 10.000 A.C.

0
246

Nel 2008 è uscito al cinema 10.000 A.C. un film che parla di un tempo preistorico, in cui gli uomini dovevano lottare per il loro sostentamento.

Non è certo una scoperta ma è bene ribadirlo: i generi fantascientifici o fantastorici rappresentano prima di tutto se stessi e il grado di tecnologia di cui si fanno portatori.

Non c’è quindi da scandalizzarsi per questo.

L’uso degli effetti speciali ha sempre avuto lo scopo di arricchire ed esasperare lo spazio, di originare e addirittura penetrare nuove dimensioni.

Il viaggio spazio-temporale attraverso porte interplanetarie (Stargate) o il contatto/scontro con creature aliene o con animali giganteschi come Godzilla.


Roland Emmerich, il regista che il giorno dell’Indipendenza ha polverizzato due monumenti sacri della storia americana (la Casa Bianca e l’Empire State Building).

Con 10.000 AC va molto indietro nel tempo, più indietro del Patriota e della Rivoluzione Americana, fino agli albori della civiltà. 

10.000 AC non ha valore polemico o ideologico, non interpreta in realtà il passato remoto degli uomini né descrive la loro vita emotiva, piuttosto riproduce un mondo fantastico.

Che diventa un contenitore di situazioni e trame introdotte senza più timore di inverosimiglianza o umorismo involontario.

Leggi anche: Shin Godzilla: cast, trama e info sul film

10.000 A.C: il film

Si fa in fretta a guadagnare l’adesione e l’identificazione del pubblico quando gli eroi devono vendicare la morte o il rapimento di un loro congiunto.

E gli antagonisti sono caratterizzati come arroganti, crudeli e indifferenti al dolore e alla sofferenza.

Se si aggiunge poi che quello che capita al protagonista è qualcosa di umanamente comprensibile e condivisibile (il desiderio di ricongiungersi alla donna amata), il successo è servito.


Come il patriota combattente di Mel Gibson, D’Leh è un eroe suo malgrado e secondo una strategia vincente che attraversa la storia e i generi del cinema americano.

Su di lui non ci si può sbagliare e non ci sono ragioni perché lo spettatore non si schieri col maldestro cacciatore di Steven Strait.

Che per caso abbatte un enorme mammuth e sempre per caso salva dall’annegamento una tigre bianca e gigantesca. 

10.000 A.C: trama

In un tempo lontano, quando gli uomini erano dominati dalla paura, guidati dagli spiriti e ispirati dalle profezie, viveva una pacifica tribù di cacciatori.

Con l’arrivo dei mammuth si apriva per loro la stagione della caccia, della prosperità e dell’amore.

Quel sentimento smisurato che unisce il giovane D’Leh all’orfana Evolet.

Una passione interrotta dall’irruzione di “demoni” a cavallo: feroci predatori e mercanti di schiavi a servizio di un dio avido e troppo umano.

Rapita la bella Evolet, D’Leh si spingerà fino ai confini del mondo per liberare la sua fanciulla e gli uomini vessati dalle superstizioni di un tiranno inviso e invisibile.

Nel corso del viaggio il cacciatore diventerà un guerriero e il guerriero una leggenda.

10.000 A.C: cast

Steven Strait: D’Leh.

Camilla Belle: Evolet.

Cliff Curtis: Tic’Tic.

Affif Ben Badra: Capo dei mercenari.

Nathanael Baring: Baku giovane.

Omar Sharif: Baku anziano / Voce narrante.

Reece Ritchie: Moha.

Suri van Sornsen: Cacciatrice di Mammuth.

Chi vorrà vedere il film oggi 6 Luglio si sintonizzi sul canale 20 alle 21:04.

Vi lascio al trailer di 10.000 A.C, buona visione.

Commenti