Redemption – Identità nascoste : recensione

Il thriller di Steven Knight è interpretato da Jason Statham nei panni di un ex soldato delle forze speciali che si occupa delle cattive strade di Londra.

0
510
Redemption - Identità nascoste

Redemption vede Jason Statham come un uomo che combatte le sue tendenze violente, un conflitto che si riflette nella natura schizofrenica del film. In parte cupo studio del personaggio e in parte thriller di vendetta, la funzionalità di debutto di Steven Knight manca della profondità tematica necessaria per prenderlo sul serio, ma non presenta abbastanza dell’azione di alto livello che i fan della sua star si aspettano.

L’attore carismatico interpreta Joey, un ex soldato delle forze speciali che torna a Londra dopo un fatale incidente in Afghanistan che lo ha chiaramente lasciato soffrire di disturbo post traumatico da stress. Bere pesantemente, soffre di allucinazioni che coinvolgono colibrì che si comportano come piccoli droni. (Hummingbird era il titolo britannico del film – è facile capire perché il distributore lo abbia cambiato per il mercato statunitense).

Vivendo con il cibo fornito da una mensa guidata da suor Cristina (Agata Buzek), Joey trova brevemente conforto in compagnia di Isabel (Victoria Bewick), un’adolescente senza fissa dimora. Ma questo finisce rapidamente quando viene rapita dai teppisti e costretta a una vita di prostituzione.


RECENSIONE DEL FILM

Le sue fortune prendono una piega improvvisa quando assume l’identità del proprietario di un appartamento elegante, radendosi i capelli e indossando i vestiti che trova lì. Lavora come lavapiatti in un ristorante di Chinatown, dove il suo modo energico di trattare con alcuni clienti ubriachi e belligeranti lo porta all’attenzione del suo proprietario, un gangster (Benedict Wong) che lo rende immediatamente il suo nuovo difensore.

Joey prende la sua nuova posizione abbastanza facilmente, elargendo violente punizioni quando necessario, anche facendo attenzione a non ferire inutilmente le persone più innocenti con cui è costretto a trattare. E sta rapidamente facendo un sacco di soldi, che dispensa sia a sorella Cristina per dare da mangiare ai senzatetto sia a Dawn (Vicky McClure), la moglie sofferente che ha abbandonato molto tempo fa. Lungo la strada, tenta anche di salvare Isabel solo per scoprire che è stata assassinata, trasformando il suo bisogno di redenzione personale in una sete di vendetta.

Il regista e sceneggiatore Knight, che ha esplorato un territorio simile nelle sue sceneggiature per Eastern Promises e Dirty Pretty Things, mostra una comprensione sicura dell’ambiente degli inferi e un talento nell’esplorare l’ambiguità morale. Ma le sottotrame su cui si sofferma qui – in particolare una storia d’amore tra Joey e la suora.

Splendidamente sceneggiato da Chris Menges in una varietà di location londinesi tra cui Covent Garden e Soho, il film alla fine soffre dei suoi pesanti tentativi di dargli un significato drammatico. E Statham, nonostante tutto il suo carisma e la sua impressionabilità fisica, non è all’altezza del compito di trasmettere le profondità tormentate del suo personaggio.

Commenti