Pearl Jam: “Gigaton” – Recensione Album

0
712

Fin dall’inizio, i Pearl Jam  erano diversi dalle band grunge in cui erano generalmente raggruppati. Più magnetici, più melodici e, significativamente, più classici, indebitati dal rock nel loro suono, sono rapidamente diventati i favoriti delle radio rock, ora dopo sette anni tornano con un nuovo album dal titolo “Gigaton“.

Gigaton, il loro undicesimo album, e il primo dopo sette anni, è un viaggio musicalmente avventuroso che li posiziona con il loro album più soddisfacente da Backspacer del 2009. Questo è il rock ‘n’ roll del ventunesimo secolo con una coscienza e uno scopo, e se alla fine sembra un pò dimenticabile, sembra ancora più rilevante della maggior parte della musica prodotta da tutti i coetanei dei Pearl Jam che sono ancora in piedi.

Le migliori canzoni dell’album arrivano in anticipo: il grunge aggiornato di “Superblood Wolfmoon” e “Dance of the Clairvoyants” e poi non bisogna dimenticare il brano che apre il disco “Who Ever Said”, chitarre a tutto volume apre la strada alle canzoni che si sentiranno dopo.

Gigaton è l’album naturalistico dei Pearl Jam: in particolare, riguarda i cambiamenti climatici e gli effetti che sta avendo sul pianeta. “Sette mari si stanno alzando / i futuri per sempre stanno svanendo “, dice una canzone; “Gli oceani si alzano con le onde “.

È tutto molto attuale e nostalgico, e sulla chiusura “River Cross”, guidata dall’organo avvolgono il tutto in un solenne discorso su riflessione, perdita e proseguimento. Marciano in un nuovo decennio su Gigaton con lo stesso spirito combattivo che ha reso i Pearl Jam una delle band più famose al mondo negli ultimi 30 anni, ma c’è anche un senso di rimpianto e di andare avanti.

Il nome della band scarabocchiato sulla copertina dell’album sembra che stia per diventare flatline. Non è molto sottile, ma la regalità è sempre stata tra i più grandi appelli dei Pearl Jam. Come la maggior parte dei loro album realizzati negli anni duemila, Gigaton  bilancia la sincerità della vecchia scuola.

Non si sono mai piegati per accontentare nessuno tranne se stessi, e in qualche modo hanno trovato ancora innumerevoli fan. I Pearl Jam si sono guadagnati questo nel corso degli anni. Gigaton è il solito business in un mondo che è radicalmente cambiato. Voto 4/5

Commenti