“More Heroes” – Riflettori sul Punk: The Germs

0
1477

“More Heroes” è una rubrica dedicata alla scoperta dei più grandi nomi che hanno fatto la storia del punk, molti dei quali non conosciuti adeguatamente come meriterebbero. Oggi i riflettori sono puntati sui Germs.

Una band di culto e un martire del punk rock

I Germs non rappresentano soltanto uno dei più grandi gruppi hardcore punk di sempre, ma sono stati anche pioneri di tale genere. Nati nel 1976 a Los Angeles, pur con una carriera di soli quattro anni e un LP in studio, hanno lasciato un’influenza importantissima per le successive band punk, hardcore e non solo.

Anima e voce del gruppo fu Darby Crash (vero nome Jean Paul Beahm), morto il 7 dicembre del 1980 a soli 22 anni per overdose d’eroina. Diventato una figura di culto nella storia del punk, è stato spesso paragonato a Sid Vicious per il suo stile di vita autodistruttivo. Tuttavia, rispetto al bassista dei Sex Pistols, Crash possedeva un grande talento compositivo e una notevole capacità di dominare la scena. Indimenticabili sono le sue estreme performance live che gli valsero il soprannome di “manimal”, uomo animale.

Gli inizi e “(GI)”

I Germs nacquero per volontà di Crash e dell’amico chitarrista Georg “Pat Smear” Ruthenberg. Completavano la formazione la bassista Teresa “Lorna Doom” Ryan e il batterista Jimmy Michael “Don Bolles” Giorsetti, arrivato nel 1978 dopo l’avvicendarsi di diversi batteristi. Tra essi, per pochi mesi nel 1977, troviamo la futura cantante Belinda Carlisle, leader del gruppo delle Go-Go’s e intreprete pop rock molto celebre negli anni ’80. Fin dall’inizio i Germs, per la violenza e la furia dei loro concerti iniziano a raccogliere un discreto seguito di fan nell’area di Los Angeles. Nel 1977 pubblicano il loro primo singolo dal titolo “Forming”, cui seguirà l’anno successivo l’EP “Lexicon Devil”, la cui title track diverrà uno dei pezzi più celebri del loro repertorio.

Nel gennaio del 1979 la band rilascia, per la Slash Records, il loro unico album in studio dal titolo “(GI)”. Il titolo significa “Germs Incognito”, sigla spesso utlizzata per nascondere la propria identità e poter suonare nei locali, vista la pessima fama di animali da palcoscenico. Prodotto dalla cantante e chitarrista Joan Jett, il disco è stato acclamato dalla critica come uno dei più importanti album punk di tutti i tempi, un lavoro in cui si fanno sempre più largo i segnali di quello che da lì a poco tempo esploderà in America e poi nel mondo come hardcore punk.

Nello stesso anno la band compare nel celebre documentario “The Decline Of Western Civilization” di Penelope Spheeris, incentrato sulla scena punk rock di Los Angeles. Uscito nel 1980 dopo la morte di Crash (protagonista anche della locandina), contribuirà a rendere la sua figura ancora più leggendaria.

La copertina di “(GI)”. Il cerchio azzurro riprodotto raffigura il “Germs Burn”, la bruciatura di sigaretta con cui i fan della band si contraddistinguevano facendosela sull’avambraccio.

“Cruising” e la morte di Crash

Nel 1980 la band torna in sala d’incisione e registra sei nuovi brani originali per la colonna sonora del film “Crusing” con protagonista Al Pacino. Ne verrà scelto soltanto uno, “Lion’s Share”. Poco tempo dopo Crash compie un viaggio a Londra e innamoratosi della scena musicale di allora, scioglie i Germs e decide di dare vita ad una nuova band con la collaborazione del solo Smear. Ma il progetto Darby Crash Band si rivela un vero fallimento.

Il 3 dicembre i Germs si riuniscono per un ultimo concerto, fortemente voluto da Crash. Quattro giorni dopo muore per overdose d’eroina, sancendo di fatto la fine del gruppo. Negli anni seguenti diversi sono i dischi postumi pubblicati, incluso un EP nel 1981. Il più importante però è “(MIA): The Complete Antology” del 1993, una raccolta che racchiude tutta la discografia del gruppo, compresi i cinque brani scartati per il film “Cruising”, allora ancora inediti.

“Reunion” dei Germs

Dei restanti membri del gruppo, Bolles continua a suonare in molte altre band punk mentre la Doom scompare dalle scene. Smear invece negli anni ’90 parteciperà come seconda chitarra all’ultimo tour dei Nirvana e in seguito diventa chitarrista nei Foo Fighters di Dave Grohl fino al 1997 e, dopo un primo ritiro, dal 2006 a tutt’oggi.

I Germs assieme all’attore Shane West (secondo da sinistra), interprete di Darby Crash nella pellicola biografica “What We Do Is Secret”

Nel 2007 viene rilasciato il film biografico sul gruppo e sulla vita di Crash dal titolo “What We Do Is Secret”. Ma già dal 2005 l’attore Shane West, interprete del cantante, diventa la nuova voce della band che, riunitasi, suonerà per diversi anni in giro per il mondo per un reunion tour fino al definitivo scioglimento nel 2009.

Nel gennaio del 2019 muore Lorna Doom all’età di 61 anni. Era malata di cancro.

Curiosità

“Costretti a Sanguinare”, celebre libro sulla storia dell’hardcore italiano di Marco Philopat, riprende il titolo da uno dei pezzi più celebri dei Germs, “We Must Bleed”.

Canzoni consigliate:

Commenti