“Il fotografo di Mauthausen” – Recensione

0
3200
il fotografo di mauthausen

Il fotografo di Mauthausen è un film spagnolo del 2018 diretto da Mar Targarona e interpretato da Mario Casas, Macarena Gómez e Alain Hernandez.

Il film racconta la storia del fotografo Francisco Boix durante la sua vita nel complesso del campo di concentramento di Mauthausen-Gusen.

Mar Targarona è un cineasta complicato, e nel mezzo del suo dramma in campo di concentramento, “The Photographer of Mauthausen”, mostra la sua complessità.

Le scene di apertura forniscono ciò che ci aspettiamo da queste storie: una panoramica di di rituali barbari, la drammatizzazione di separazioni strazianti e momenti di improvvisa e sanguinosa brutalità.

Incontriamo Francesc (Mario Casas), un prigioniero comunista spagnolo che si è reso utile come assistente del fotografo del campo (Richard van Weyden). Fa questo lavoro per rimanere in vita ma sa di essere complice di un’operazione di propaganda. Quando gli viene ordinato, negli ultimi giorni di guerra, di distruggere le foto del campo, lui e i suoi compagni prigionieri si rendono conto che devono proteggerle come prova.

Il fotografo di Mauthausen : gli occhi della sofferenza e della denuncia

I loro tentativi attentamente coordinati di portare di nascosto quei negativi fuori dal campo sono più vicini a “La Grande Fuga” che a “Schindler’s List”, una sequenza di suspense con una striscia di pellicola che è decisamente Hitchcockiana.

Ma proprio mentre lo spettatore si rilassa in tali piaceri adiacenti al genere, Targarona ci avvolge con un paio di scene agghiaccianti, drammatizzazioni del puro male, servite a ricordare che gli orrori di questo tempo e luogo non possono e non saranno banalizzati.

Tali spostamenti tonali non sono sempre facili da sostenere, e occasionalmente Targarona lascia che l’immagine si allontani da lei (in particolare il finale, che la pone su un po ‘di spessore). Ma costruisce bene i suoi battiti e la cinematografia è sorprendente: prendendo spunti dalle fotografie in questione, usa una tavolozza di colori tenui per accennare alla desaturazione di quelle immagini in bianco e nero.

Targarona ha iniziato come attore prima di diventare produttore e, infine, regista. “The Photographer of Mauthausen” è il suo secondo lungometraggio, ma se sembra il lavoro di un vecchio pro – vivido, coinvolgente e spesso terrificante.

Jojo Rabbit – recensione del film Disney/Fox sul nazismo
9 film per celebrare la Giornata della Memoria

Dove vedere Il Fotografo di Mauthausen

Il Fotografo di Mauthausen non sarà trasmesso in tv oggi, 27 gennaio 2020, ma è disponibile in streaming su Netflix.

Commenti