Death Note: i FILM sono disponibili su Amazon Prime Video

Death Note è uno dei manga più famosi, ma non sono altrettanto famosi i film, mai distribuiti nei cinema europei ma disponibili adesso su Amazon Prime Video.

0
678

Death Note è sicuramente uno dei manga di maggior successo degli anni 2000: successo di vendite incredibile in Giappone prima ed in Europa dopo, un brand che ha portato alla produzione di infiniti gadget, e di conseguenza anche un anime (serie TV animata) che ha ottenuto una popolarità notevole. Ciò che invece non aveva avuto modo, ai tempi, di approdare in Europa (e quindi in Italia) erano i film tratti dall’opera: due film editi nel 2006 che rappresentano una sorta di unicum, un tutt’uno di 4 ore e mezza che è stato chiaramente spezzato in due lungometraggi, e due spin off che non presentano affatto la trama del manga, “L Changes The World” del 2008 ed un ultimo spin off del 2016 – il primo è comunque tratto da una graphic novel, solo l’ultimo è un’opera integralmente originale.

La trama di Death Note

Per chi non conoscesse la trama del manga, si tratta sicuramente di una delle idee più affascinanti e originali della letteratura moderna. Il protagonista è Light, un intelligentissimo ragazzino giapponese che ha la fortuna di trovare un death note, il quaderno di un dio della morte. Scrivendo il nome di una persona su quel quaderno ne si può causare la morte, e così il ragazzo decide di utilizzarlo per decimare i criminali che non hanno ricevuto una giusta pena o sono ancora latitanti. Egli vuole che tutti si rendano conto di cosa sta accadendo, e così invece di far morire tutti per cause accidentali sceglie una causa di morte comune per tutti, l’infarto, così che l’opinione pubblica capisca che c’è qualcuno che sta facendo da giustiziere.

Mentre una fazione delle persone si schierano contro di lui ed altre con lui, la polizia indaga su di lui per fermarlo richiede la collaborazione di un grande specialista del crimine da cui farsi aiutare, l’enigmatico L. Nel frattempo, Light ha dalla sua un compagno speciale: Ryuk, il dio della morte a cui apparteneva il quaderno, che ora gli fa sempre compagnia e lo stuzzica in continuazione, cercando tuttavia dei vantaggi per sé e non di aiutare il geniale assassino. La trama si fa via via più complicata: il padre di Light è un poliziotto incaricato di indagare sul suo caso, L riesce grazie ad un’astuzia pari a quella di Light a capire molto su cosa sta accadendo davvero, ed il protagonista è obbligato a scelte difficili che solo una grande mente può gestire.

Light e Ryuk nel film

Come sono fatti i primi due film? Recensione

E’ chiaro che in 4 ore e mezza di film non si può riassumere al 100% le atmosfere complicate ed i messaggi psicologici di un manga come “Death Note”, ma il lavoro fatto nei primi due è stato comunque buono. La recitazione è di ottimo livello, l’intreccio fra momenti più psicologici e momenti più sfacciatamente horror è reso bene, e comunque alcuni dei messaggi che sono stati messi su carta rendono bene anche nel film: il dilemma classico sulla pena di morte, cosa provocano il bullismo e la frustrazione anche sul posto di lavoro, quanto le persone intelligenti possano essere più pericolose di quelle stupide sul lungo termine, quanto prezioso possa essere l’intelletto di persone autistiche, come alcuni individui psicopatici ma nel contempo lucidi ed intelligenti siano in grado di fingere sentimenti che non provano e manipolare chi li circonda. Rimane un neo nella traduzione italiana: non aver tradotto molte delle scritte in giapponese ed aver reso di conseguenza incomprensibili alcune singole scene. Sono infine gestiti molto bene anche i classici momenti comici che servono ad alleggerire la tensione in opere simili.

Come Guardarli

I primi due capitoli di Death Note e l’ultimo realizzato nel 2016 sono tutti disponibili nel catalogo di Amazon Prime Video; il terzo capitolo, “L Changes The World”, non è invece disponibile su alcuna piattaforma di streaming ufficiale in lingua italiana, mentre lo spin off del 2016 è presente anche su Netflix. Di seguito il trailer.

LEGGI ANCHE: The Hole in 3D – recensione di un teen horror adatto a tutti

Commenti